Presentazione

L’I.I.S. “Sebastiano Satta” ha un bacino di utenza assai vasto; abbraccia infatti le zone che vanno dal Marghine alla Planargia, dall'alto Oristanese al Sassarese. Il territorio è caratterizzato da una bassa densità di popolazione, concentrata nei due centri più grossi di Macomer e Bosa.
L’economia della zona, prevalentemente agro-pastorale, è caratterizzata da redditi pro-capite mediobassi. Le attività industriali, concentrate prevalentemente a Macomer e fiorenti fino a qualche anno fa, risentono ora della grande flessione del mercato tanto da costringere le imprese alla chiusura o alla riduzione dell’attività degli impianti, con conseguente ricorso alla cassa integrazione, che si abbatte pesantemente sulle famiglie. Piccole imprese soprattutto a carattere individuale o familiare costellano il settore dell’artigianato. La centralità di Macomer e la sua vicinanza alla S.S. 131, sta favorendo l’insediamento nell’area Industriale di Tossilo di aziende operanti nel settore della logistica. Il tasso di disoccupazione nel 2019 (prima della pandemia da Sars-Cov-2) si attestava al 17,4%, raggiungendo in alcuni paesi anche punte del 28%. La disoccupazione è in prevalenza femminile e giovanile. Il turismo, che dovrebbe costituire il settore trainante della zona, ha ancora difficoltà a decollare e si svolge per un periodo dell’anno piuttosto limitato. Nel settore dei trasporti il servizio offerto dalle F.F.S.S., dall’ARST e da aziende private è da ritenersi accettabile per le ore antimeridiane, mentre si rivela carente per le ore pomeridiane. La scuola spesso deve ricorrere a convenzioni particolari per garantire agli studenti pendolari, in occasione della frequenza scolastica in orario pomeridiano, il rientro ai propri paesi in orari accettabili. Gli studenti del corso lavoratori devono utilizzare mezzi propri.
Il Piano dell’Offerta Formativa viene portato a conoscenza degli EE.LL. territoriali, Unione dei Comuni del Marghine–Planargia e Comune di Macomer perché siano al corrente di quanto questo Istituto intenda realizzare.
Gli allievi della nostra scuola appartengono ad una fascia di età compresa tra i quattordici ed i diciannove anni; a questi vanno ad aggiungersi gli studenti dei corsi serali. Molti tra i nostri alunni hanno superato l’esame di Stato della Scuola media inferiore con esiti buoni o addirittura eccellenti; tutti hanno scelto il nostro Istituto consapevoli di avere dinanzi un periodo di intenso lavoro che, una volta ultimato, darà loro la possibilità di frequentare con una adeguata preparazione qualunque corso universitario o di immettersi, con un qualificato diploma, direttamente nel mondo del lavoro. Gli studenti provengono da Macomer e dalle Scuole medie del circondario, hanno compiuto quindi, inevitabilmente, esperienze e percorsi didattici diversi e differentemente articolati. L’ambiente familiare di appartenenza non può non essere altrettanto vario: i genitori lavorano come impiegati, operai, professionisti o artigiani; posseggono, dunque, cultura e sensibilità diverse e affidano all’Istituto l’istruzione e la formazione dei figli, che diventano quindi, con le loro differenti personalità, la ricchezza ed il patrimonio della nostra scuola prima, e dell'intera comunità dopo.
La scuola adotta un orario delle lezioni che, nel rispetto delle norme vigenti, consente soprattutto ai pendolari, il rientro nei paesi d’origine in orari compatibili con l’uso del mezzo pubblico, e a tutti gli studenti l’opportunità di usare la scuola per realizzare tutte le attività contemplate nel P.T.O.F. Nel corso degli anni nel nostro Istituto si è dibattuto lungamente sul ruolo e l’immagine che la Scuola, come ente di formazione e educazione, proietta di sé e sulla percezione che da essa deriva.
Da tempo il nostro Istituto, con il contributo fattivo dei suoi alunni, rilascia un’immagine al passo con i tempi: siamo ed intendiamo essere sempre di più luogo di crescita culturale e civile, comunità viva e positiva, aperta al confronto ideale, ispirata ai principi della convivenza democratica. Parallelamente, l'Istituto si propone alla collettività intera come centro di formazione e cultura permanente, luogo di ricerca e riflessione sulle problematiche del nostro tempo, motore di progetti ed iniziative di crescita sociale a tutti i livelli. I corsi offerti presentano varietà e finalità differenti. Presso la sede centrale sono impartiti i corsi: Sistemi Informativi Aziendali (SIA), Turismo (TUR), Costruzione, Ambiente e Territorio (CAT), Grafica e Comunicazione (GC), Informatica e Telecomunicazioni (IT), Agraria (AG). Nella succursale dell’ “Amaldi” è presente il corso MAT (Manutenzione e Assistenza Tecnica) e il corso IAMI (Industria e Artigianato per il Made in Italy).

La scuola è in grado di fornire un tipo di formazione integrata in diversi ambiti disciplinari, poiché l’apprendimento e la concettualizzazione degli aspetti teorici trovano applicazione pratica nelle discipline di indirizzo e nei laboratori: essa dunque trasmette conoscenze e mira a far acquisire ad ogni singolo alunno una preparazione di base unitaria con specificità professionalizzanti: ecco che allora lo studio delle discipline giuridico‚Äźaziendali unitamente alle lingue straniere, le materie dell’asse scientifico‚Äźtecnologico, con grande importanza data al mondo della multimedialità, e l’attenzione al settore agroalimentare e all’agroindustria, permettono di acquisire competenze rispondenti alle odierne esigenze del mondo del lavoro. L'offerta formativa che la scuola propone è quindi finalizzata alla valorizzazione delle risorse degli alunni con evidente motivazione allo studio e al recupero di situazioni di svantaggio culturale e motivazionale che spesso favoriscono la dispersione e l’abbandono scolastico. La scuola rappresenta perciò il luogo in cui maggiormente i ragazzi riescono a soddisfare le loro esigenze di aggregazione, comunicazione e socializzazione.